Decus

364_Possagno_Statua della Gipsoteca_tv

Qual si voglia candido ‘l bel panneggio
Che de la fugace figura è adorno
A che d’altro può servir a te cheggio
Se non a svelar nobile contorno?

Immota vedi e siede etereo seggio
La virtù ch’al suono di santo corno
Non schiava di sé ma per gran coraggio
Schiaccia pinguedine notte del giorno.

Questo ‘l destino d’aurea umanità
Sopportar con soffio quale carezza
Morir con nobile semplicità.

Questa più alta orma di bellezza
Né altro saggio abbiam di felicità
L’amor ch’è benigno, quieta grandezza.

Arnaldo Mitola

Un ringraziamento alla Prof. Angela Pieraccioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...